Author Archive

10
giu

Il mio ricordo di Paolo De Bernardin

Written by Alessandra. Posted in blog

Gentile, elegante, bello….con una collezione di dischi da mille e una notte e una delicatezza che mi catturava ogni volta che avevo la fortuna di passarci un po’ di tempo insieme. Parlare di musica con Paolo era sempre come aprire uno scrigno di perle preziose, di suoni incantati… Sarò sempre grata a Paolo per avermi fatto partecipe delle sue tante conoscenze musicali, e anche per quel suo articolo su “Musica di Repubblica” che, quando ancora non ci conoscevamo, parlava proprio di me….io ero solo una giovane pianista un po’ timida e lui invece mi presentava con grandi apprezzamenti, quasi orgoglioso della sua “scoperta”. Avevo appena inciso un album di musiche dedicate a Gurdjieff e Paolo ne parlava con parole bellissime che a me sembrarono “troppo”, ma che ora vorrei condividere con voi, senza nascondere, in questo momento particolare, un miscuglio di gioia, di nostalgia, e di profonda tristezza. Più di una volta abbiamo trascorso lunghe ore negli studi rai di saxa rubra, condividendo il microfono dei suoi indimenticabili “Notturni Italiani”. La sua conduzione era originale e imprevedibile, ma sempre ricca di contenuti colti e mai lasciati al caso. Quando mi intervistava, sempre con garbo e fantasia, mi raccontava ogni volta qualcosa di me che ancora non sapevo… Proprio qualche giorno fa c’eravamo sentiti…Gli avevo appena spedito il mio nuovo album ,,,un altro disco dedicato a Gurdjjieff, l’autore che, 20 anni prima, ci aveva fatto conoscere. Non so se Paolo abbia fatto in tempo ad ascoltarlo perchè qualche giorno dopo mi ha avvertita che era in ospedale….poi non ho saputo più niente da lui. Ci sarebbero mille cose da dire di Paolo…mille sfumature, quelle stesse mille sfumature che lui amava tanto nei suoni… Grazie Paolo, grazie del tuo amore per la musica, grazie di averlo condiviso con me e con tutti noi.

Hidden Sources: Gurdjieff De Hartmann (Alessandra Celletti, piano)

Hidden Sources: Gurdjieff De Hartmann (Alessandra Celletti, piano)

 

Paolo de Bernardin

06
giu

Nel Nome di Antea al cinema

Written by Alessandra. Posted in news

Nel nome di Antea è un film-documentario del 2018, diretto da Massimo Martella.
Durata 75 minuti.
Prodotto e distribuito da Istituto Luce Cinecittà.
Musiche originali di Alessandra Celletti

Il racconto della missione di salvataggio culturale di un gruppo di giovani funzionari italiani delle belle arti durante la seconda guerra mondiale che, nonostante il loro coraggio e la loro dedizione, sono rimasti nell’ombra fino a poco tempo fa. E’ grazie a queste persone coraggiose che oggi possiamo ammirare e mostrare al mondo intero Caravaggio, Giorgione, Raffaello e molti altri. Fare la guerra in Italia era come combattere in “un maledetto museo”; eppure, quel museo è sopravvissuto ed è testimone della storia della nostra identità, trasmettendo ogni giorno il valore universale della bellezza.

Nel Nome di Antea, così la nostra Arte si è salvata dalla guerra (leggi l’articolo)

PROGRAMMAZIONE nelle Sale:

5 giugno Rocca di Sassocorvaro – Premio Rotondi 21.00
7 giugno Sassocorvaro – auditorium mattina 10.30
8 giugno Roma – Cinema Farnese 15.00 – 17.30 – 20.30
11-12-13 giugno Roma – Cinema Barberini 16.00 – 17.30 – 19.00
11 giugno Milano – Cinema Oberdan 19.15 (con il regista in sala)
12 giugno Mantova – Cinema Mignon 21.00  (con il regista in sala)
12 giugno Ancona – Cinema Italia 21.30
12 giugno Pesaro – Cinema Solaris 21.00
12-13 giugno Pisa – Cinema Arsenale 12/6 18.30 – 13/6 20.30  (con il regista in sala)
13 giugno Roma – Cinema Farnese 17.15
16 giugno Milano – Il Cinemino 14.30
18-19 giugno Mantova – Cinema Mignon 20.00
19 giugno Firenze – Cinema La Compagnia 19.00
19-20 giugno Padova – Cinema Multisala Pio X 18.45 – 21.15
20 giugno Roma – Cinema Farnese 20.00
20 giugno Napoli – Cinema Modernissimo 21.00  (con il regista in sala)
21 giugno Bologna – Biografilm Festival – Cinema Galliera 19.00  (con il regista in sala)
22 giugno Urbino – Cinema Ducale 21.00  (con il regista in sala)
21-22-23-24 Roma – Cinema Farnese 16.00
25 giugno Civitanova Marche – Cecchetti 19.00 – 21.15
27/6 – 4/7 Firenze – Spazio Uno 27/6 21.30 P – poi orari vari
28 giugno Perugia – Cinema Zenith 19.30 – 21.00  (con il regista in sala)
29 giugno Taranto – Sala Bellarmino 21.30  (con il regista in sala)
4, 8, 9 luglio Festival di Spoleto – Sala Pegasus 4/7 16.00 – 8/7 22.15 – 9/7 20.00  (con il regista in sala)
13 luglio Genova – Arena Ducale 21.30  (con il regista in sala)

 

 

30
mag

dal 5 Giugno su Youtube

Written by Alessandra. Posted in news

 

Dal 5 giugno il film-doc “Piano Piano on the road” sarà visibile, in esclusiva, integralmente e gratuitamente suyoutube: https://www.youtube.com/watch?v=pzMmFTEkc6c 

Piano-Piano-on-the-road-5-giugno

 

05
mar

15 Aprile a Roma Concerto al Monk

Written by Alessandra. Posted in news

28468252_2073679156178139_3272000117406178641_n
A quasi due anni di distanza dall’ultimo concerto romano al Romaeuropa Festival del 2016, il 15 aprile il palco del Monk ospita il live di Alessandra Celletti che per l’occasione sarà accompagnata dal poli-strumentista Daniele Ercoli al contrabbasso, kaval e bombardino.
Un appuntamento per presentare anche SACRED HONEY, il nuovo, ventesimo album, che Alessandra Celletti ha dedicato alla musica di G.I. Gurdjieff
Il concerto avrà inizio precisamente al tramonto previsto per le  ore 19:51
tutte le informazoni QUI
23
feb

Sacred Honey Nuovo Album

Written by Alessandra. Posted in news

Cover per sito

SACRED HONEY

Gurdjieff / De Hartmann |||| Alessandra Celletti

CD [Bleriot 2018]

Sono passati più di 20 anni da “Hidden Sources” il primo disco che dedicai alle musiche di Gurdjieff e De Hartmann.

Eppure a distanza di tanti anni ricordo ancora le emozioni che provavo nell’immergermi quotidianamente nello studio di melodie così intense e profonde.

In quel periodo vivevo a Praga e i paesaggi misteriosi e ipnotici dell’Asia Centrale evocati da queste composizioni si confondevano con la neve e il freddo pungente della capitale boema.

Era una strana alchimia.

Così quest’anno, dopo tanto tempo, ho pensato di addentrarmi nuovamente nelle atmosfere sacre che Gurdjieff è riuscito ad esplorare durante i suoi innumerevoli viaggi e a portare alla luce grazie alla collaborazione con De Hartmann.

Questa volta però il mio pianoforte non è solo. Per “Sacred Honey” ho cercato di immaginare e ricreare le sonorità esotiche ed esoteriche dei movimenti,

degli inni e delle danze sacre di Gurdjieff e ho coinvolto il polistrumentista Daniele Ercoli che mi ha onorato della sua partecipazione con il suono del contrabbasso, del Kaval e del bombardino.

In molti dei brani che compongono l’album ho elaborato io stessa i suoni elettronici e suonato l’harmonium (strumento assai caro a Gurdjieff), che ho acquistato in un piccolo negozietto di Mumbai in occasione di un mio concerto in India.

Vorrei che questo nuovo lavoro avesse la forza di trasportare in paesaggi sonori ricchi di suggestioni e di incanti.

Due parole sul titolo: perché Sacred Honey?

La parola Sarmoung significa “ape” e si ha notizia di una Confraternita di Sarmoung le cui origini si perdono nella notte dei tempi; tracce si trovano in Babilonia sin dai tempi di Hammurabi.

I Sarmoung insegnavano che la conoscenza oggettiva è una sostanza materiale che può essere raccolta e conservata come il miele.

Si ritiene che i Sarmouni (le api) possedessero insegnamenti antecedenti al Diluvio universale.

Ecco che torna la metafora dell’Arca e anche se certamente possibile che non sia mai avvenuto un diluvio universale vero e proprio, è probabile che i Sarmoung si riferissero alla loro responsabilità di mantenere l’Arca dell’antica saggezza attraverso le alluvioni del tempo.

Sembra che questa confraternita avesse registrato le distruzioni e le rinascite periodiche dell’umanità credendo che la sua tradizione rappresentasse un nucleo eterno ed immutabile di saggezza alla quale l’umanità poteva sempre attingere.

Nei momenti critici della storia, i Sarmoung distribuivano il loro “miele” in tutto il mondo per mezzo di agenti debitamente addestrati.

Il viaggiatore, studioso di metafisica e di antiche religioni John Bennett riteneva che il simbolo dell’enneagramma,  figura alla base dell’insegnamento di Gurdjieff, così come la conoscenza della legge del sette,

la legge, che secondo il mistico armeno, regola ogni processo di cambiamento e molte delle sue danze sacre, fossero scaturiti dalla Confraternita di Sarmoung. [*]

Da questa suggestione la scelta del titolo per l’itinerario sonoro all’interno del mondo musicale di Gurdjieff e De Hartmann.

L’ispirazione evoca anche una questione di assoluta attualità e importanza su cui mi interessava soffermarmi:

“Se l’ape scomparisse dalla terra, all’umanità resterebbero quattro anni di vita; niente più api, niente più impollinazione, niente più piante, niente più animali, niente più esseri umani.” (Albert Einstein?).

La versione in cd sarà pubblicata ad Aprile 2018 ma è possibile prenotarla e acquistarla fin d’ora sul sito di bandcamp:

buy here SACRED HONEY

Ascolta  Sacred Honey qui

[*] http://ggurdjieff.it/

 

13
feb

19 febbraio all’Apollo 11

Written by Alessandra. Posted in news

mio duce ti scrivo

Proiezione Apollo 11

RACCONTI DAL VERO

con il sostegno di
SIAE

presenta
lunedì 19 febbraio ore 21.00

Centro Aggregativo Apollo 11
c/o Itis Galilei ingresso laterale di via Bixio 80/a
(angolo via Conte Verde) – Roma

MIO DUCE TI SCRIVO. Le lettere degli italiani a Mussolini 1923/1943
un film di Massimo Martella
Italia, 2015, 75′
a seguire
Testimonianza di Phoebe Miranda (20’)

In apertura
esecuzioni al pianoforte delle musiche del film
da parte di ALESSANDRA CELLETTI.
Al termine della proiezione
gli attori MASSIMO WERTMULLER e ANNA FERRUZZO
insieme al regista MASSIMO MARTELLA
incontreranno il pubblico.

Durante il ventennio, italiani di tutte le età, sesso ed estrazione sociale prendono la penna per scrivere al duce. Molti scrivono per chiedere aiuti economici, alcuni per denunciare torti o illegalità, ma la maggior parte vuole soltanto comunicare a Mussolini la fede nella sua persona, con una devozione che sfocia a volte nell’adorazione. Queste lettere, interpretate da quattro attori sullo sfondo delle immagini dell’epoca, e corredate dalla testimonianza di un mittente d’eccezione, Andrea Camilleri, raccontano la storia, le speranze, i dolori di chi le ha scritte; e mostrano in che modo è nato, è cresciuto e poi si è infranto quel rapporto di affetto senza intermediari che Mussolini, grazie anche al pervasivo uso della propaganda, seppe creare con gli italiani.

Scritto e diretto da Massimo Martella Letture Cristina Ginevra Arnone, Anna Ferruzzo, Josafat Vagni, Massimo Wertmuller Musiche originali Alessandra Celletti Direttore della fotografia Tarek Ben Abdallah Operatore Fabio Paolucci Fonico di ripresa Andrea Viali Montaggio Maria Iovine, Luca Onorati Voce narrante Saverio Indrio Produzione esecutiva Maura Cosenza Musiche composte ed eseguite da: Alessandra Celletti, piano ed elettronica; Daniele Ercoli, contrabbasso; Camilla Dell’Agnola, viola Produzione Istituto Luce Cinecittà in collaborazione con RAI – Radiotelevisione italiana – RAI TRE

Ingresso con tessera associativa Apollo 11
(sottoscrivibile in loco)

Per prenotazioni booking@apolloundici.it
Le prenotazioni dovranno essere convertite in biglietti presso la biglietteria almeno 30 minuti prima dell’inizio dell’evento. La prenotazione non convertita non dà diritto di accesso all’evento.

20
set

Solem String Quartet suona Celletti

Written by Alessandra. Posted in Concerti, news

Solem

Domenica 15 ottobre dalle ore 15:00

All Hallows Church – NW3 2JP Londra

Planet Tree Music Festival presents: The Solem String Quartet with Catherine King (mezzo-soprano) & Stephen Bennett (clarinet)

The Solem Quartet present a varied programme of world premiere pieces, accompanied by mezzo- soprano and clarinet.

James D’Angelo: The Scherzo of Fools for clarinet quintet WP, Pater Noster, for mezzo soprano and string quartet WP
Christine Turellier: Quartet 26 Op. 129 WP
Jean Catoire: Quartet 13 Op. 219 WP
Alessandra Celletti: A Crescent Moon WP
Lawrence Ball: Quartet 6 WP
Bela Bartok: Quartet 4

WP – World Premiere

“Meditate to a higher Sphere with Authentic Contemporary Classical Music”. Escape reality and the buzz of the city and immerse yourself in sound worlds. Championing an alternate way of listening, audiences are encouraged to lie down, and relax into the music. Please BRING A YOGA MAT, if you wish to LIE DOWN AND LISTEN.

Practical information:
– TICKETS will be sold AT THE DOOR: £13, £10 concessions
or… Attend 2 concerts for £20, £15 concessions
– Disabled Access: One small step, accessible for a wheelchair, or mobility scooter
– Food and drink: tea, coffee & light refreshments

Tags: , , , ,

20
set

Alessandra Celletti al Planet Tree Music Festival di Londra

Written by Alessandra. Posted in news

web image

Sabato 14 Ottobre ore 19.30 – Alessandra Celletti in concerto al Planet Tree Music Festival #9

Rosslyn Hill Unitarian Chapel  3 Pilgrims Place, NW3 1NG Londra

Ingresso: £13, £10 (ridotti)
2 concerti £20, £15 (ridotti)

https://www.facebook.com/planettreemusicfestival/

Evento su facebook

Tags: , , , , ,

06
lug

19 Luglio a Paciano Piano Solo sul lago

Written by Alessandra. Posted in news

ajaxmail

In programma musiche di Alessandra Celletti/Erik Satie/Maurice Ravel/ Philip Glass

Il costo del biglietto è di euro 15,00 (concerto + cena euro 40,00)
Visto il numero limitato dei posti é obbligatoria la prenotazione
L’indirizzo è Via Marconi, 27 Paciano
– Tel. 075830144

Paciano, in provincia di Perugia è tra i Borghi più belli d’Italia.
La città medievale è posta sul monte Petrarvella (391 m s.l.m.) dove, in antichità, si trovava un tempio consacrato al dio Giano.
Il concerto si svolgerà in un giardino panoramico.

27
apr

THIS MUSIC PLANTS TREES 2

Written by Alessandra. Posted in news

THIS MUSIC PLANTS TREES 2 cover

Musica per gli Alberi

La Giornata degli Alberi è nata a Nebraska City in Nebraska, il 10 aprile 1872 e in quel primo appuntamento furono piantati circa 1 milione di alberi.

Questa festa ha lo scopo di incoraggiare le persone, sia in gruppi che come individui, a coltivare e curare gli alberi.

Dal lontano esordio, la Giornata degli Alberi, “Arbor Day”,  è diventata una festa riconosciuta in molti paesi del mondo.

Solitamente la Giornata degli Alberi si celebra l’ultimo venerdì di aprile, ma le date possono cambiare durante tutto l’anno

sulla base dei periodi migliori per l’ impianto degli alberi a seconda della zona.

Aural Films presenta THIS MUSIC PLANTS TREES 2, secondo volume di questa speciale compilation in occasione dell’ Arbor Day 2017.

Venticinque musicisti provenienti da diverse parti del mondo, tra i quali la pianista italiana Alessandra Celletti, per una collezione di composizioni che ha l’obiettivo di incentivare la cura degli alberi

partendo dal semplice atto di piantarli. I nostri boschi stanno scomparendo ed è necessario l’impegno di ognuno di noi

per piantare alberi e ricreare foreste in tutto il mondo.

Quasi la metà di tutti gli alberi è stata rimossa dal pianeta ma i boschi sono essenziali per il sostentamento di tutte le persone in tutto il mondo.

Si può fare la differenza anche acquistando musica.

Tutti i proventi dell’album Music Plants Trees 2 saranno devoluti al progetto Plant a Billion Trees.

Più di due ore e mezza di musica per piantare più alberi!

L’album sarà disponibile dal 28 aprile,  Arbor Day 2017,  in download digitale e su disco e potrà essere acquistato online all’indirizzo: auralfilms.bandcamp.com/album/this-music-plants-trees-2

Gli artisti che hanno preso parte al progetto:

Alessandra Celletti  (Italy)

Amanda Chaudhary  (USA)

Annemarie Borg-Antara (United Kingdom)

Bark Citrus Oakestra  (USA)

Candy L  (USA)

Cheryl Leonard  (USA)

Chuck Van Zyl  (USA)

Dawn Tuesday  (USA)

Djam Karet  (USA)

Fernwood   (USA)

Forrest Fang  (USA)

Gypsy Witch  (United Kingdom)

Jack Hertz  (USA)

John WIggins (USA)

Lomita  (Germany)

Meng Qi  (China)

metlay!  (USA)

Mika Pontecorvo  (USA)

PBK  (USA)

Robert Scott Thompson  (USA)

Salim Nair  (India)

Shane Morris  (USA)

Theothersideofwho?  (Germany)

Thollem Electric  (Earth)

Tony Gerber  (USA)

 

Qualche informazione su Plant a Billion Trees

La campagna Plant a Billion Trees è un’iniziativa di restauro senza precedenti lanciata dal Nature Conservancy nel 2008. Il primo progetto è stato quello di ripristinare la foresta atlantica del Brasile ma gli obiettivi sono stati ampliati per includere progetti forestali negli Stati Uniti e in Cina. Coltivando alberi e aiutando le foreste a ricrescere li dove sono state gravemente danneggiate, si aiuta a garantire acqua pulita, aria, specie diverse e foreste piene e sane per le generazioni future. Per saperne di più sul progetto visita plantabillion.org

Qualche informazione su Aural Films

Aural Films è un’etichetta discografica online (netlabel) che pubblica colonne sonore di alta qualità per il reale e l’immaginario. Copre un’ampia gamma di stili e generi musicali che vanno dall’ambient, ai suoni più sperimentali, dalla musica popolare alle composizioni per colonne sonore.

Per saperne di più sul progetto visita auralfilms.com