02
apr

Grazie Michael

Written by Alessandra. Posted in blog

Sono 3 giorni che Michael è volato via e 3 giorni che non riesco a dormire. Ho un buco nel cuore e mi sento come un uccellino con un ala spezzata. Pensavo che Michael fosse immortale. Uno strano angelo sceso sulla terra per cercare la musica e farla girare nello spazio. E mi sentivo orgogliosa e fortunata che tra milioni di suoni possibili avesse scelto proprio i miei. Michael è la persona più generosa e più ricca di entusiasmo che io abbia mai incontrato e ha regalato a questo mondo viziato il suo animo limpido e delicato e il suo cuore romantico e un po’ folle. E’ stato il produttore migliore che un artista potesse desiderare. Mi sono sentita sempre incoraggiata, stimata e rispettata senza alcuna riserva. Ogni cosa era valutata insieme con cura e amore e se dovevamo parlare di soldi prima mi chiedeva scusa come se avesse paura di inquinare la purezza dell’ispirazione.
Io sono felice di aver potuto condividere con lui un’infinità di progetti musicali belli e importanti, un fantastico viaggio in macchina sulla costa tra San Francisco e Los Angeles e un volo in aereo verso New York. Dodici giorni trascorsi sempre insieme camminando incontro a un vento gelido e palazzi giganti. A volte perdeva sangue dal suo piede e io mi preoccupavo, ma lui mi tranquillizzava dicendo che non era niente di grave e continuava a camminare con l’unico desiderio di far diventare i nostri sogni realtà. Alcuni si sono compiuti, altri sono rimasti lì…sospesi tra la terra e il cielo. Quando si condivide con passione un progetto artistico le nostre anime si mischiano un po’ e si resta legati per sempre così ora spetta a me continuare il viaggio di Transparency verso un mondo musicale fatto di purezza e di magia.
Mi farò guidare dalle ultime parole che mi ha scritto pochi giorni prima di lasciare questa terra: “I am with you in spirit at every note you strike on the piano or any songs you create with vocals”.

Tags: , ,

01
apr

Sul filo della fine

Written by Alessandra. Posted in blog

piano-piano-smallRipenso al momento in cui è nata l’idea di Piano piano on the road; al difficile, ma entusiasmante periodo in cui cercavo il camion, il pianoforte da caricarci sopra, il modo per attutire i colpi della strada; ripenso alla costruzione dell’itinerario, alle proposte che diventavano dei sì e a quelle che non si sono riuscite a concretizzare. Ripenso al viaggio, ai chilometri percorsi, alla musica che ho suonato per le strade, nelle piazze, nei boschi, in riva al mare; all’alba a San Pier Niceto. Ripenso agli sguardi di tante persone; agli abbracci e ai sorrisi di chi, dopo il concerto  mi chiedeva  i dischi per potermi riascoltare ancora…

Tags: , ,

19
ago

Suonando all’alba con la sabbia negli occhi

Written by Alessandra. Posted in blog

Certe volte non vedo l’ora di condividere con voi certe situazioni speciali, di raccontarvi quanto sono belle le persone che incontro e che mi aiutano a vivere momenti irripetibili … come il concerto dell’altra mattina, all’alba a Torre Guaceto.

torre guaceto_g.mazzone2

Avevo la sveglia alle 4 in punto … ma alle 2 ero già sveglia con una grande emozione e l’impazienza di cominciare a suonare. Così non c’è stato verso di riaddormentarmi. Allora mi sono alzata e ho pensato di sistemare i miei capelli (cosa che non faccio mai)…tanto poi c’ha pensato il vento a rimetterli nel giusto disordine …

Tags: , , ,

26
mag

Il 6 Giugno nel Carcere di Padova

Written by Alessandra. Posted in blog

“L’ergastolo è come dire ad una persona ‘ti vogliamo buttare via’, ma io non voglio buttare via nessuno” (Agnese Moro)

ergastolo e tortura 6_small2Si avvicina il giorno del mio compleanno e quest’anno lo festeggerò in un modo davvero speciale portando la mia musica in una prigione. Alcuni di voi sanno che da qualche mese sono in contatto con Carmelo Musumeci detenuto nel carcere di Padova e condannato all’ergastolo ostativo (ossia senza speranza di uscire vivo). Ho a cuore la vita di quest’uomo non solo perché, nonostante i suoi errori passati, ha una grande sensibilità e un grande coraggio, ma anche perché è realmente il simbolo della possibilità di “trasformazione”. Carmelo, in 23 anni di prigione in regime di alta sicurezza (ossia in condizioni estreme e senza alcun beneficio) anziché abbattersi e rinunciare alla sua libertà ha deciso di migliorare ogni giorno, laureandosi in legge (ora sta prendendo una seconda laurea in filosofia), scrivendo libri e incontrando i ragazzi delle scuole per raccontare la sua esperienza. Oggi non è più la persona che era tanti anni fa eppure sul suo foglio di detenzione c’è scritto che la sua pena terminerà nel 9-9-9999.

Tags: , , ,

09
mag

Periodaccio?

Written by Alessandra. Posted in blog

periodaccioSe qualcuno mi domanda “come vanno le cose?” rispondo semplicemente con la parola “periodaccio”. Anche voi? Però la pronuncio ridendo perché, nonostante tutte le difficoltà dell’epoca che stiamo vivendo, non mi è ancora andata via l’allegria nè la voglia di condividere suoni e sorrisi. E’ vero, è un periodo difficile, soprattutto per l’arte e la cultura, l’economia vacilla, forse precipita e la giustizia è spesso ingiusta.

03
mar

Catania, Battiato e il mio piano…

Written by Alessandra. Posted in blog

battiatoVenerdì 7 Marzo finalmente suonerò a Catania nel bellissimo ZO Centro delle Culture Contemporanee. Sarà per me un concerto molto importante e non solo perché presenterò per la prima volta dal vivo “Above the sky”, il mio ultimo album prodotto dall’etichetta americana Transparency.
Catania è la città di uno dei più importanti musicisti italiani degli ultimi 40 anni, Franco Battiato, con il quale, di recente, ho avuto la fortuna e l’onore di collaborare per Vdb23, un ampio e speciale progetto discografico di Gianni Maroccolo e Claudio Rocchi poco prima della sua scomparsa.

Tags: ,

12
gen

RINASCERE – VdB23: nulla

Written by Alessandra. Posted in blog

gianni-maroccolo-vdb23Uno dei regali più preziosi del Natale appena trascorso è stata la mia copia di VdB23, l’album in edizione speciale di Gianni Maroccolo e Claudio Rocchi. Aspettavo la mia copia con impazienza anche perché, ormai più di un anno fa, avevo avuto l’onore di essere stata contattata proprio dal mitico Maroccolo per rielaborare al piano due suoi brani che sarebbero poi stati inclusi nel disco…Naturalmente ero curiosissima di poter ascoltare finalmente l’intero lavoro e anche di verificare come il mio pianoforte si sarebbe fuso con il resto della musica.

Tags: , ,