26
mag

Il 6 Giugno nel Carcere di Padova

Written by Alessandra on maggio 26th, 2014 Posted in blog

“L’ergastolo è come dire ad una persona ‘ti vogliamo buttare via’, ma io non voglio buttare via nessuno” (Agnese Moro)

ergastolo e tortura 6_small2Si avvicina il giorno del mio compleanno e quest’anno lo festeggerò in un modo davvero speciale portando la mia musica in una prigione. Alcuni di voi sanno che da qualche mese sono in contatto con Carmelo Musumeci detenuto nel carcere di Padova e condannato all’ergastolo ostativo (ossia senza speranza di uscire vivo). Ho a cuore la vita di quest’uomo non solo perché, nonostante i suoi errori passati, ha una grande sensibilità e un grande coraggio, ma anche perché è realmente il simbolo della possibilità di “trasformazione”. Carmelo, in 23 anni di prigione in regime di alta sicurezza (ossia in condizioni estreme e senza alcun beneficio) anziché abbattersi e rinunciare alla sua libertà ha deciso di migliorare ogni giorno, laureandosi in legge (ora sta prendendo una seconda laurea in filosofia), scrivendo libri e incontrando i ragazzi delle scuole per raccontare la sua esperienza. Oggi non è più la persona che era tanti anni fa eppure sul suo foglio di detenzione c’è scritto che la sua pena terminerà nel 9-9-9999.

Questa storia, questa assurda data,  questo marchio indelebile su una colpa mi risultano impossibili da accettare senza fare qualcosa. Ormai mi conoscete un po’: sapete quanto mi piacciano le imprese “impossibili” e soprattutto quanto sia grande la mia fiducia negli esseri umani, nonostante l’attuale legislazione e un pensiero purtroppo ancora diffuso che vede nel carcere una funzione vendicativa.

Ma veniamo al mio compleanno. Sembra una strana e bella coincidenza o forse il segno del legame che ho con questa storia. Venerdì 6 Giugno (giorno in cui sono nata) a Padova ci sarà un importante convegno, organizzato da  “Ristretti Orizzonti” e dall’Università, dal titolo “ Senza ergastoli. Per una società meno vendicativa”. Si tratta di una giornata  di studi rivolta a tutti sul tema dell’ergastolo al fine di aprire un dibattito, non solo tra gli “addetti ai lavori”. L’idea di fondo è che una giustizia più mite e un sistema penale più umano possano rendere la società più civile.

Così, proprio il 6 giugno suonerò a Padova per Carmelo e per tutti i presenti nel carcere “Due Palazzi”. Sono molto felice ed emozionata. Non so che pianoforte potrò avere a disposizione, ma come ho sempre detto mi piace suonare qualsiasi pianoforte, anche il più malandato. Così come mi piace dialogare con ogni essere umano.

Vorrei ringraziare Nadia Bizzotto (tutor, amica e “angelo” di Carmelo), Lino Lombardi per i bellissimi servizi realizzati per il Tg2, Ornella Favero direttice di “Ristretti Orizzonti, Elton Kalika, il direttore del carcere Salvatore Pirruccio per avermi autorizzata a suonare e soprattutto Carmelo per aver trasformato gli errori del passato in una battaglia di civiltà.

Chiunque lo desideri può partecipare a questa giornata.

Per iscriversi (entro il 29 maggio):

http://www.ristretti.it/commenti/2014/maggio/ergastolo/modulo_di_iscrizione.htm

oppure scrivere all’indirizzo:  redazione@ristretti.it

L’iscrizione è gratuita. Per il pranzo che si consumerà all’interno del carcere si chiederà un contributo di 5 euro.

Frame dal video "Shooting Stars" di Isobel Blank

Frame dal video “Shooting Stars” di Isobel Blank

Tags: , , ,