Ci sono nemici invisibili e potenti, come la radioattività.  Spesso di fronte a catastrofi giganti, come quella che recentemente ha colpito il Giappone ci possiamo sentire impotenti e totalmente in balia di eventi fuori controllo. Io però penso che non sia così perché so che ognuno di noi ha un’arma efficace anche contro il nemico più subdolo. Quest’arma si chiama consapevolezza e si può attivare partendo dalla ricerca di dati oggettivi.

JavaScript disabilitato!
Per visualizzare il contenuto devi abilitare il JavaScript dalle opzioni del tuo browser.

Ecco intanto quello che ho trovato:

Mururoa - 2 Luglio 1966 : nell’atollo polisiano viene fatta esplodere una bomba nucleare di 30 chilotoni, più potente di Little Boy, la bomba all’uranio che sconvolse Hisroshima e il mondo. Due anni dopo fu la volta della prima bomba H, di una potenza di mille chilotoni. In trent’anni, i francesi hanno realizzato nei “loro” territori polinesiani 193 test nucleari, 46 atmosferici e 147 sotterranei.


Per quantificare con esattezza i danni dei test il governo dovrebbe rendere disponibili alcuni documenti dei servizi di radioprotezione dell’esercito, ancora coperti dal segreto militare. Tuttavia la ricerca compiuta su 239 casi di cancro alla tiroide manifestatisi fra il 1966 e il 1999, attraverso la verifica delle dosi di radioattività nell’aria e i dati meteorologici disponibili, rende evidente  la relazione fra questo tipo di tumore e i test cosiddetti “puliti”.

Oggi la base dell'atollo di Mururoa è corrosa dai test e potrebbe crollare causando uno tsunami con un'onda alta 20 metri. …

Černobyl' – 26 Aprile 1989: Il nome di Černobyl' (letteralmente “filo d’erba nero”) diviene drammaticamente famoso in tutto il mondo. Alle ore 01:23:45 la centrale stava effettuando un esperimento definito come test di sicurezza. Qualcosa però andò storto e quel test di sicurezza si trasformò in una catastrofe. Una nube di materiali radioattivi fuoriuscì dal reattore e ricadde su vaste aree intorno alla centrale che furono pesantemente contaminate, rendendo necessaria l'evacuazione di oltre 336.000 persone. I pompieri che intervennero morirono tutti nel giro di poche settimane. Successivamente, secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità, i morti furono quattromila, ma la vera cifra non si saprà mai. Nei venti anni successivi si contano decine di migliaia di tumori e leucemie. Oggi, nelle regioni confinanti, 2/3 degli adulti e metà dei bambini sono ammalati alla tiroide e le malformazioni sono raddoppiate.
Nubi radioattive raggiunsero anche l'Europa, la Finlandia e la Scandinavia raggiungendo anche l'Italia, la Francia, la Germania, la Svizzera, l'Austria e i Balcani, fino anche a porzioni della costa orientale del Nord America.

Il reattore venne chiuso in un sarcofago di cemento, per bloccare la fuga radioattiva. Oggi quel sarcofago però sta cedendo. …


Fukushima – 2 Aprile  2011. Dopo il terremoto e il conseguente tsunami con onde più alte di 10 metri, il Giappone deve fronteggiare l’allarme nucleare. La situazione è drammaticaLa notizia del ritrovamento di Plutonio rilasciato dalla centrale di Fukushima è spaventosa. Il plutonio è una sostanza tossica oltre che radioattiva che se inalata o ingerita può danneggiare gravemente gli organi interni, in particolare lo scheletro, i polmoni e il fegato…

Non si sa quasi nulla delle reali condizioni di vita di chi è bloccato nella zona fra i 20 e i 30 km dalla centrale; sono costretti a rimanere in casa ma il cibo e gli aiuti scarseggiano, molti vorrebbero fuggire ma come?  i mezzi pubblici non ci sono più.

La TEPCO conferma: sotto il reattore 1 c’è una radioattività 10.000 volte superiore al normale, assolutamente abnorme ed è stata individuata  la perdita al reattore n.2 che scarica acqua radioattiva in mare

I 300 tecnici che continuano a lavorare indefessi, sanno di dover morire “si sono impegnati a morire, se necessario a lungo termine“


Il reattore nella quarta centrale di Fukushima era compromesso: difettoso, malfunzionante. lo si sapeva da molto tempo, e chi lo sapeva fu pagato per stare in silenzio. Per occultare, per accomodare in totale segretezza il danno. Gli ispettori della società che gestisce l’energia per Tokyo furono distratti con cene lussuose…«Se ora siamo all'inferno, tutto quello che possiamo fare è arrampicarci verso il paradiso»…


Ecco, questi alcuni elementi che ho raccolto. Ma una volta che abbiamo in mano i dati (anche se in modo parziale) CHE COSA POSSIAMO FARE?

RADIOATTIVIT