Minimal

#cellettiblue
Minimal
Love Animals
Sacred Honey
Working on Satie
Zodiac
Above thesky
Crazy girl blue
Sketches of Sakagawea
W.C. George Bataille
Plays Baldassarre Galuppi
Sustanza di cose sperata
The red pages
Chi mi darà le ali
The Golden fly
Way out
Esotèrik Satie
Black Baby
Metamorphosis
Hidden sources
Viaggio a Praga
Overground
Les sons et les parfums

Minimal1             buynow

Con MINIMAL la musicista romana torna a cimentarsi con un repertorio a lei molto caro, mettendo insieme autori che considera suoi importanti riferimenti.

L’album si apre con “Fur Alina” di Arvo Part, una composizione la cui semplicità disarmante nasconde una profondità ricca di sfumature “magiche”.
La pianista ha quindi scelto di interpretare alcune pagine di John Cage che stupiscono per la loro delicatezza “fuori dal tempo”: “In a Landscape”, “Dream” e “A Room” per pianoforte preparato.
Non poteva mancare “Truman Sleeps”, un brano di Philip Glass, autore al quale la Celletti, ai suoi esordi discografici, ha dedicato un intero album per l’etichetta discografica Kha Records.

Tra questi autori, noti al grande pubblico, si inserisce un compositore meno conosciuto, ma molto interessante per la sua attitudine “spirituale”. Si tratta dell’armeno Alan Hovhaness, di cui viene proposto uno dei suoi “Visionary Landscapes”.

L’album contiene infine anche due “Preludi” inediti della stessa Celletti che ben si collegano alle atmosfere minimali dell’album.

Ascolta Minimal su Spotify:

buynow